Traduttore

Se vuoi vedere le mie opere visita il mio sito :

I miei blogs personali :

ENTRA NEL MIO SITO WWW.ARTECARLA.IT
-------------------
Ciao e benvenuti.
Mi chiamo Carla COLOMBO, sono una pittrice e scrivo di poesia, ma, poichè amo tanto l'arte , oltre al mio sito ed ai miei blogs che qui sotto vedete, ho aperto questa Galleria virtuale per dare spazio all'arte di altri artisti. A tutto il marzo 2017 hanno esposto la loro arte su queste pagine virtuali 100 artisti con diverse espressioni artistiche: pittura, scultura, poesia, musica, fotografia ed altro
..e per ora mi fermo qui con un caloroso saluto a tutti quanti. Contattatemi come e quando volete: arla_colombo@libero.it

Buona arte a tutti!

DESIDERI una recensione alla tua arte timbrata e firmata?

DESIDERI una recensione alla tua arte  timbrata e firmata?
Se desideri una recensione personale sulla tua pittura-scultura contattami e ti informerò di tutto. carla_colombo@libero.it oppure cliccando sul link sul lato destro di richiesta informazione

lunedì 30 novembre 2015

Vincenzo Petracca e la "Sua" natura dipinta

Di mese in mese questa mia galleria si sta riempiendo di persone che amano esprimersi con le varie tecniche artistiche ed in questi anni se ne sono susseguiti davvero tanti.
Questo mese di dicembre, dopo il medico dr.  Romeo Aracri con le sue apprezzate poesie, per pura combinazione Vi vado a presentare la pittura (e non solo) di  un altro medico, chirurgo questa volta, che mi ha interpellata qualche mese fa per avere la disponibilità della galleria.

Il medico chirurgo  che presto andrò a presentarVi è il dott. Vincenzo Petracca di L'Aquila che, nei ritagli di tempoalla Sua impegnativa professione, manifesta il Suo grande amore per l'arte in generale.

VINCENZO PETRACCA 
E LA SUA NATURA DIPINTA

Guardare  le opere di Vincenzo Petracca è come aprire una finestra e ritrovarsi per incanto in spazi aperti dove si ha la sensazione di respirare “aria” …. di quella pulita, di quella fresca aria che al mattino ti sfiora le gote, ti penetra nelle narici e ti regala attimi di "respiro".
Nelle sue opere infatti  si percepisce da subito il grande amore per la natura, in particolare la natura della Sua terra, con il suo mare ed il suo Gran Sasso  che rappresenta in tele che sanno appunto di giornate all’aperto, di passeggiate lungo la spiaggia, e lo fa  attraverso una tecnica lineare ed autodidatta nella quale si assapora  il suo tanto amore per l’arte in genere.
E  se Vincenzo Petracca  dipinge soprattutto la natura, non può certamente esimersi dal dipingere il soggetto più rappresentato dai tanti artisti; il mare, il suo mare d’Abruzzo. 
Petracca lo fa concentrando la  Sua attenzione  alla cromia, che senza dubbio non è studiata, ma diventa spontanea nei colori freddi  per mari cupi e tempestosi,  o  caldi ed avvolgenti  per mari rilassanti.
Forse la meta sognata dopo una giornata intensa di lavoro dove l’attenzione non deve mancare  (vista la professione) per le persone che possano aver necessità di   un pronto intervento sicuro ed immediato.
In  alcune tele è palpabile la serenità, mentre in altre l’animo manifesta inquietudine e disagi.  Ecco che allora prevalgono i toni freddi (i grigi nella varie tonalità) in una miscellanea che increspa il mare e lo fa diventare agitato con onde appena accennate ma che manifestano l’arrivo della tempesta.
Vincenzo Petracca con la sua pittura esprime  lo stato d’animo di tutti noi durante il quotidiano. Si avvolge nelle campagne dorate dove il frumento diventa oro per gli occhi e ricco per  un raccolto tanto agognato,  le campagne ai piedi del suo  monte sono avvolgenti proprio come quando si giocava a nascondino cercando di mimetizzarci  nell’erba non ancora tagliata dal contadino,  i  canneti che lasciano intravedere il mare, custode di segreti e di sogni..sogni di speranza e di fiducia nel futuro.
Trovo che la sua espressione pittorica sia molto spontanea e lasciata all'improvvisazione.
E’ povera di orpelli che renderebbe il tutto “barocco” e la pennellata veloce diventa evocativa di un passato o di un futuro o semplicemente dell’attimo presente.
Siamo quindi di fronte ad un pittura che si colloca nella famosa corrente dell’impressionismo, che tanto ha dato all’arte contemporanea.  

Le foto che ho avuto modo di vedere purtroppo non sono “a fuoco”  e forse si perde la lucentezza del colore, ma già da come ci si approccia, l’occhio  coglie l’ esplosione di voler raccontare con una pennellata veloce e incisiva la voglia  di esprimere “pure io ci sono” in questo mondo artistico ricco di tutto (di bellezza e di spontaneità d’animo, ma anche di brutture  e artifici strani ed interessati) …ma   quando la pittura e l’arte in genere è passione, dedizione, amore allora lo si può affermare in tutta tranquillità, anche se il cammino è in salita, il sentiero irto è lungo e spesso non si vede neppure il punto di arrivo. 

Carla Colombo
22 novembre 2015   

Ecco cosa scrive di se con poche righe:

Sono medico chirurgo presso l'ospedale de L'AQUILA e specialista in agopuntura cinese.



Cresciuto con il "sano vizio" della pittura e dell'interesse per la storia dell'arte in genere e fin da bambino e periodicamente, nel corso degli anni, mi cimentavo con matita e pastelli, quindi con carboncini e acquarelli ecc., approdando alla tecnica con olio su tela solo da qualche anno. 























Ho pubblicato due romanzi : 
"Tante storie" e "La montagna caduta", vincitori entrambi presso il Premio Histonium a Vasto.




TANTE STORIE
(copertina di Vincenzo Petracca)

E' un resoconto dal sapore di vita vissuta, in cui i contenuti e le trame delle tante storie raccolte dal protagonista e delle situazioni narrative fanno riflettere il lettore sui temi esistenziali legati al disagio. 
Edito da Tracce di Pescara nel 2006.



LA MONTAGNA CADUTA
(copertina di Vincenzo Petracca)  

Nella "Montagna caduta"il vero protagonista è Pedone Nicola, fante Ardito sulla scena delle trincee durante la Grande Guerra. 
Ho voluto estrarre dalla nicchia del suo riservo quello che il nonno Nicola teneva a tutti nascosto, forse per gelosia o timidezza o pudore, oppure semplicemente per non dover riportare alla luce quello che tuttavia non aveva mai rimosso completamente. 
Non avendo mai manifestato ad altri l'esistenza di tali suoi scritti, fedelmente vengono riportati su queste pagine." L'EPISODIO CARDINE di tutto lo svolgimento del diario è un fatto realmente accaduto, quando nel mese di Maggio del 1917, sotto il monte Zebbio in Trentino ambedue gli eserciti, italiano e austriaco scavarono un galleria riponendovi i propri esplosivi, gli Italiani per fare saltare la galleria stessa per poi muovere all'attacco alla conquista del monte stesso. Gli Austriaci seppero per via di spie e prigionieri italiani delle mine italiane per cui si ritirarono repentinamente dalla cresta del monte dove si trovavano e diedero fuoco ai loro esplosivi, a loro volta. 
"Quello fu un inferno ... una montagna intera era scoppiata, caduta!" 
Il romanzo edito nel 2009 sempre da Tracce. ... proprio l'anno del terremoto. 




Prima di passare alla presentazione di alcune opere pittoriche, mi piace condividere con Voi questo breve scritto che 
Vincenzo mi ha mandato, giusto per porre in noi qualche riflessione in più 


" ......Io sono chirurgo e lavoro in chirurgia di pronto soccorso e puoi immaginare cosa abbiamo vissuto in quella fatidica notte del terremoto. Su nove sale operatorie, erano rimaste solo due funzionanti, il Pronto Soccorso era diventato un androne unico immenso sanguinante e polveroso, e già dalle 4.00 del mattino, e il terremoto c'è stato alle 3.32, si doveva operare fuori all'aperto nel piazzale antistante. 
I feriti venivano scaricati a terra dalle innumerevoli ambulanze che venivano anche da regioni confinanti, Lazio, Umbria e Marche, e direttamente a terra le loro ferite suturate. 
Sembrava una catena di montaggio.
Chirurgia di guerra e traumi da schiacciamento, tanto per dare una idea. Ma è proprio in queste situazioni che emerge il bello dell'uomo: l'organizzazione è stata veloce e perfetta, il rigore professionale da parte di tutti è stato impeccabile e soprattutto il lato umano è quello che emerge. Di questa storia ne ho tratto uno scritto, "La signora ferita", L'Aquila naturalmente, che mi piacerebbe farti leggere. 
Per ora ti saluto caramente, Vincenzo"


Vi presento ora una carrellata di opere eseguite con la tecnica - olio su tela 
(purtroppo le immagini sono un po' sfocate e perdono in luminosità)

Rappresentano tutte (o quasi) paesaggi naturali D'ABRUZZO, dal mare ai monti


A TEMA MARE 























A TEMA CAMPAGNA, MONTI  : 












SOGGETTI VARI : 






CONTATTO FACEBOOK DEL DOTT. VINCENZO PETRACCA:

https://www.facebook.com/vincenzo.petracca.3?fref=ts