Traduttore

Se vuoi vedere le mie opere visita il mio sito :

I miei blogs personali :

ENTRA NEL MIO SITO WWW.ARTECARLA.IT
-------------------
Ciao e benvenuti.
Mi chiamo Carla COLOMBO, sono una pittrice e scrivo di poesia, ma, poichè amo tanto l'arte , oltre al mio sito ed ai miei blogs che qui sotto vedete, ho aperto questa Galleria virtuale per dare spazio all'arte di altri artisti. A tutto il 2014 hanno esposto la loro arte su queste pagine virtuali quasi 100 artisti con diverse espressioni artistiche: pittura, scultura, poesia, musica, fotografia ed altro.
Se volete dunque affidarmi la Vostra arte e renderla pubblica su questa galleria virtuale, basta che mi contattiate: carla_colombo@libero.it
Buona arte a tutti!

DESIDERI una recensione alla tua arte timbrata e firmata?

DESIDERI una recensione alla tua arte  timbrata e firmata?
Se desideri una recensione personale sulla tua pittura-scultura contattami e ti informerò di tutto. carla_colombo@libero.it oppure cliccando sul link sul lato destro di richiesta informazione

MESE DI MARZO

IL MESE DI MARZO E' DEDICATO ALL'ARTE DI LILLO MAGRO

Lillo Magro

Lillo Magro

lunedì 24 ottobre 2011

VI PARTE

Siamo giunti alla penultima pagina dedicata ai "proverbi" del
 prof. Antonino Salomone
----

Vi aspetto tutti quanti, anche per l'ultima pagina e per conoscere le modalità per ricevere il regalo della
dott.ssa MARINA SALOMONE, figlia del prof. SALOMONE 



Immagini :  sfondo  acquerellato di Carla C.  su foglio bianco, Marina S.  ha sviluppato il suo pensiero con i mezzi che le sono più congeniale e cioè un programmino speciale con il quale si accompagna per creare  i suoi disegni.


TUTTE LE OPERE LETTERARIE QUI POSTATE IN QUESTE PAGINE SONO DEL 
PROF. ANTONINO SALOMONE  /per gentil concessione della figlia Marina 



dall'web 


Gli Sportivi

Uno sapeva di cocchio o di quadriga,
altri teneva l'asta bilanciata
e la lanciava sovente oltre la meta;
qualcuno stendeva a terra l'avversario,
se si trattava d'onorare un morto,
o quando il dio d'Olimpia
chiamava attorno a sé i Greci tutti.
Il premio era soltanto una corona,
che non era d'oro
e non aveva prezzo.

Tal quale come oggi;
e non per niente la civiltà moderna
discende dall'antica. Discende.
Gli stadi ci son sempre, più accoglienti;
ed i sorrisi, i pianti ed i clamori
salgono pur sempre fino al cielo:
o che un pugile atterri il suo avversario,
o che un arbitro fischi intempestivo,
o quando il cuore, gonfio per l'attesa,
riesce a non scoppiare se il pallone
raggiunge, finalmente, la rete agognata.
Non si pensi per altro che l'atleta
soppianti nel cuore dei tifosi
la grazia del poeta:
non è di moda che si chiami Pindaro,
sarà Felis o Leo a cantare gli epinici
sui verdi giornali del lunedì.
Il progresso c'è poi per altro verso:
non si tratta oramai di dilettanti;
abbiamo specialisti d'alto rango...
e d'alto prezzo.


 ----------

 Il baro di Caravaggio - dall'web


I Giocatori


L'ambiente per lo più una taverna,
gli strumenti del gioco erano i dadi:
la posta sempre o quasi una bottiglia;
seguiva poi normale il parapiglia.

Non è che i dadi non ci sian più,
o che il vino abbia perso di prestigio,
ma fa più chic il poker
nel circolo, tra amici,
o la puntata un po' forte alla roulette
se ti trovi a passar da Montecarlo.
Sono così rare le emozioni
che volentieri si pagan coi milioni.

 -------
“Ettore ed Andromaca” di Giorgio De Chirico dall'web 

I Manichini

Con vestiti di lana e cappellini,
con tacchi alti, fasciate di lamè,
sorridono da dietro le vetrine
floride dame dai capelli tinti,
bionde ragazze e timide bambine.
Accade talvolta che passando
faccia un leggero inchino e poi ti fermi
quasi a lasciare il passo;
guardi quegli occhi grandi e trasparenti
dalle ciglia lunghissime;
le braccia bianche atteggiate a movimento,
il sorriso sul labbro, sempre uguale,
ti danno quasi un senso di sgomento.

-----

Il Mare

Ci piace vederlo calmo,
col sole grande sopra
che sembra che ci caschi e non è vero.


Noi lo sappiamo grande, sterminato,
noi lo sappiamo pure pien di vita.

Quando il sole sparisce
all'orizzonte,
la luna d'argento dei poeti
o quella, anch'essa finta,
di molti innamorati,
ci guarda sorniona
dal suo antico posto di vedetta:
stanca, annoiata,
che se ne vuole andare
eppur non può.





Allora pensiamo ai vari Ulisse
che la cercavan nelle notti turbinose,
perché la luce, anche quella fioca,
accende la speranza nei viventi.

Quando il sole si sarà stancato
di splendere lassù,
e assieme a lui la luna infreddolita
rifiuterà di più mostrarsi in pubblico,
allora le gondole riposeranno,
e gli uomini anch'essi,



dopo breve naufragio tra i marosi
o, se più piace agli scienziati,
sotto coltre di ghiaccio assiderati.

 opere di Carla Colombo
1) - Dentro il sole - olio a spatola su mdf - dim cm. 80x20
2) - Silente moon - olio a spatola su mdf - dim. cm. 30x24
3) - Mare d'inverno - olio a spatola su tela - dim. cm. 70x50 
-----

Vi aspetto per l'ultima pagina e per conoscere le modalità per ricevere il regalo della
dott.ssa MARINA SALOMONE, figlia del prof. SALOMONE